Maria Luisa Spaziani

data di nascita: 
Sab, 01/03/1924
Nato a: 
Torino
Biografia: 

Maria Luisa Spaziani è nata il 1 marzo 1924 a Torino.

Poetessa tra le più significative del panorama nazionale ed europeo, nonché storica della letteratura francese, ha vissuto a Messina, Milano e Parigi prima di stabilirsi a Roma dove ha svolto un'intensa attività pubblicistica.

A diciannove anni ha fondato e diretto la rivista «Il dado», su cui non ha però mai scritto: tra i collaboratori figuravano Vasco Pratolini, Sandro Penna, Vincenzo Ciaffi. Poco prima di morire,Virginia Woolf le ha inviato un capitolo del romanzo Le onde con una dedica autografa: «Alla piccola direttrice». È in quegli anni che la Spaziani ha conosciuto anche Leonardo Sinisgalli, presenza importante nella sua formazione letteraria, ed Ezra Pound.

Nel 1949 ha incontrato, al Teatro Carignano di Torino, Eugenio Montale; dopo che lei ha trovato lavoro in una ditta anglo-cinese a Milano, dove anche Montale si era da poco trasferito, i due cominciano a frequentarsi e ne nasce un sodalizio intellettuale e affettivo. Laureatasi in Lingue con una tesi su Proust, nel 1953 ha inaugurato con una borsa di studio una serie di soggiorni a Parigi, che sempre rimarrà una stella polare nella sua vita e nel suo immaginario.

La sua stagione poetica ha avuto inizio nel 1954 con Le acque del Sabato, raccolta pubblicata da Mondadori nella prestigiosa collana Lo Specchio. Nel 1956, in seguito al tracollo economico del padre, ha insegnato lingua francese in un collegio di Torino; il contatto con gli adolescenti e la serenità dell'esperienza traspaiono nella raccolta Luna lombarda del 1959, poi confluita nel volume Utilità della memoria del 1966. Sempre a quel periodo e a quei luoghi ha dedicato la poesia Suite per A. con cui ha vinto nel 1958 il Premio Lerici. Nello stesso anno, dopo un lunghissimo fidanzamento, si è sposata con con Elémire Zolla, studioso della tradizione mistica ed esoterica. Ma nel 1960 il matrimonio si è sciolto.

Chiamata a insegnare lingua e letteratura francese all' Università di Messina, vi è rimasta quasi trent'anni durante i quali ha tradotto dal francese Racine, Flaubert, Toulet, André Gide, Marguerite Yourcenar, Marceline Desbordes Valmore e curato volumi sul Teatro francese del Settecento e Ottocento. Ha firmato diversi racconti e lavori teatrali (La vedova Goldoni, La ninfa e il suo re, Monologo di Yvette, Trittico) e opere di critica Letteraria.

Nel corso dei suoi viaggi in Francia e negli Stati Uniti ha avuto modo di conoscere personaggi come Ezra Pound, Thomas Eliot, Jean-Paul Sartre.

Buona parte dei versi della raccolta L'occhio del ciclone, del 1970, è ispirato all'esperienza vissuta in Sicilia, ai suoi paesaggi e al mare. Ne sono seguite altre più diaristiche come Transito con catene, nel 1977, e Geometria del disordine nel 1981, che si è aggiudicato il Premio Viareggio per la poesia. Nel 1978 la Spaziani ha fondato con Mario Luzi e Giorgio Caproni il Movimento Poesia, che alla morte di Montale è diventato Centro Internazionale Eugenio Montale e Premio Montale.

Nel 1979 è un'autrice ormai affermata, di cui Mondadori pubblica un'antologia negli Oscar. E' stata tre volte candidata al Premio Nobel per la letteratura, nel 1990, 1992 e 1997. Nel 2005 ha fondato con Massimo Nardi e Napoleone Bartùli la Universitas Montaliana, di cui è la Presidente. Ha ottenuto numerosi e prestigiosi premi; l'ultimo riconoscimento importante è stato il Premio Dino Campana nel 2009, con la raccolta di versi L'Incrocio delle Mediane (2008). Ha fondato la Cattedra di Poesia; collabora con il Corriere della Sera e il mensile internazionale Poesia dell'Editore Crocetti. E' in corso di pubblicazione un volume dei Meridiani che raccoglie tutte le sue poesie. Attualmente vive a Roma; la città di Torino compare pochissimo nella sua poesia, e più presenti sono invece i paesaggi tra il Piemonte e la Liguria, e le campagne dell'astigiano dove ha vissuto gli anni dello sfollamento. 

 

Immagine: 
Bibliografia: 

Poesia:

  • Le acque del sabato, Mondadori, 1954
  • Primavera a Parigi, All'insegna del Pesce d'Oro, 1954
  • Luna lombarda, Neri Pozza, 1959
  • Il gong, Mondadori, 1962
  • Utilità della memoria, Mondadori, 1966
  • L'occhio del ciclone, Mondadori, 1970
  • Transito con catene, Mondadori, 1977
  • Geometria del disordine, Mondadori, 1981
  • La stella del libero arbitrio, Mondadori, 1986
  • Il mio Sud, con Francesco Mento e Nietta d'Atena, Il Gabbiano, 1989
  • Giovanna d'Arco, Mondadori, 1990
  • I fasti dell'ortica, Mondadori, 1996
  • La freccia, Marsilio, 2000
  • Giovanna d'Arco. Romanzo popolare in sei canti in ottave e un epilogo, Marsilio, 2000
  • Poesie. 1954-1996, Mondadori, 2000
  • La traversata dell'oasi. Poesie d'amore 1998-2001, Mondadori, 2002
  • Poesie dalla mano sinistra, Archivi del '900, 2002
  • Forse un angelo parla a tutti. La voce di Maria Luisa Spaziani. Audiolibro, Crocetti, 2002
  • La tundra dell'età, LietoColle, 2005
  • La luna è già alta, Mondadori, 2006
  • Tracce vol. 78-79, con Biancamaria Frabotta e Tomaso e Binga, Tracce, 2007
  • L'incrocio delle mediane, San Marco dei Giustiniani, 2008
  • La radice del mare, Tracce, 2009
  • Poesie Verticali, Edizioni Ampersand, 2009

 

Saggistica:

 

  • Breve storia del teatro francese dal Naturalismo ai contemporanei, Lo Faro, 1969
  • Due poeti. Charles d'Orléans e Sully-Proudhomme, Lo Faro, 1970
  • Ronsard fra gli astri della Pléiade, Eri, 1972
  • Racine e il "Bajazet", Lo Faro, 1977
  • Il teatro francese del Settecento, Lo Faro, 1977
  • Il teatro francese dell'Ottocento, Lo Faro, 1977
  • Donne in poesia, Marsilio, 1992
  • Teatro comico e no, Bulzoni, 2004

 

incipit: 

Come in una cattedrale



Entro in questo amore come in una cattedrale,


come in un ventre oscuro di balena.


Mi risucchia un'eco di mare, e dalle grandi volte


scende un corale antico che è fuso alla mia voce.

 

Tu, scelto a caso dalla sorte, ora sei l'unico,


il padre, il figlio, l'angelo e il demonio.

Mi immergo a fondo in te, il più essenziale abbraccio,


e le tue labbra restano evanescenti sogni.

 

Prima di entrare nella grande navata,


vivevo lieta, ero contenta di poco.


Ma il tuo fascio di luce, come un'immensa spada,

relega nel nulla tutto quanto non sei.

 

0

Ultimi eventi

Ultime voci

Ultimi scrittori

Credits

Un progetto di Associazione Alta Fantasia, codice fiscale 97687170015, Torino

Sponsors - TITOLO