La sapienza del sorriso

Il nostro sorriso una bussola dentro il mondo

 

«La sapienza del sorriso» è il tema di quest'anno

 

Con seminari, spettacoli

e incontri entra nel vivo

il festival che parla all'anima

MARCO BOBBIO

TORINO


Entra nel vivo l'ottava edizione di «Torino Spiritualità», il festival che, fino a domenica 30, attraverso incontri, spettacoli, reading, dibattiti, lezioni, seminari punta a trovare una bussola per orientarsi nelle trasformazioni del mondo contemporaneo. E «La sapienza del sorriso», il tema di quest'anno, individua nel rapporto tra conoscenza e leggerezza, approfondimento e ironia, ricerca della verità e capacità di non prendersi troppo sul serio, una delle chiavi per resistere alla crisi, non soltanto economica ma anche valoriale, della nostra società.  

 

SEZIONI. Sono tre i filoni in cui si suddivide il programma. Il primo, la «Leggerezza dello spirito», si interroga su alcune questioni che spesso accompagnano l'accostamento al sacro: davvero la sacralità è incompatibile con un cuore leggero? Solo uno spirito penitente può avvicinare l'anima al divino? Ne parleranno, tra gli altri, l'esperto di cultura islamica Paolo Branca (venerdì 28, ore 18, Cavallerizza Reale), con un intervento per ribaltare lo stereotipo dell'arabo dal volto truce; l'attore e autore teatrale Moni Ovadia nello spettacolo «Il registro dei peccati» metterà in luce il riso ebraico come microcosmo in bilico tra follia e saggezza (venerdì 28, ore 21, Teatro Carignano, ingresso 12 euro); il filosofo Gianni Vattimo, in compagnia di Marco Marzano, rifletterà sul futuro del cattolicesimo in Italia (sabato 29, ore 18, Circolo dei Lettori); Alberto Melloni e Don Giuseppe Ruggieri, a partire dallo spirito del Concilio Vaticano II, guarderanno alle sfide odierne del Cristianesimo (domenica 30, ore 11, Circolo dei Lettori). La sezione «Il sorriso consapevole e il ghigno inquieto» indaga sulle diverse forme dell'ironia, sospesa tra gli estremi dell'apertura all'altro e della derisione. Tra i vari appuntamenti l'autore e conduttore radiofonico Marco Presta e lo scrittore Francesco Piccolo descriveranno l'esercizio del sorriso come metro per misurare gli alti e bassi della vita (sabato 29, ore 17,30, cortile di Palazzo Carignano, ingresso 5 euro); il giornalista Michele Serra spiegherà come la satira possa essere un mezzo per ricordare l'esistenza del limite (domenica 30, ore 11,30, cortile di Palazzo Carignano, ingresso 5 euro); il pensatore George Stenier inviterà a prestare ascolto all'intreccio tra filosofia, letteratura e poesia per riscoprire l'incanto del mondo (domenica 30, ore 15, Teatro Carignano, ingresso 5 euro). Infine, il ciclo «La regola del gioco», esplorerà la capacità della dimensione ludica di costruire mondi alternativi. Così Carlo Nesti, rintraccerà nella lettura del Vangelo il profilo di un Gesù allenatore (venerdì 28, ore 18,30, Circolo dei Lettori); Sergio Givone indagherà la serietà del gioco (sabato 29, ore 16, Circolo dei Lettori); Armando Massarenti, tra filosofia, teoria dei giochi e attualità, esplorerà le motivazioni che ci inducono a scegliere la strada della lealtà (domenica 30, ore 18, maneggio della Cavallerizza Reale). 

 

READING E SPETTACOLI. Nel cartellone della manifestazione sono inseriti anche alcuni spettacoli. In particolare, venerdì 28, alle 22,30, al maneggio della Cavallerizza Reale l'attore e cantautore Orlando Manfedi presenterà l'anteprima di «From Oralndo to Santiago», spettacolo-concerto concepito lungo il pellegrinaggio per Santiago de Compostela (ingresso 5 euro); sabato 29, alle 19, alla Cavallerizza Reale, andrà in scena «Elogio del Ridicolo» con Paolo Nori e le Mondine di Novi (ingresso 5 euro), e alle 22, alla Cavallerizza Reale, il reading di Francesco Piccolo «Momenti di trascurabile felicità» (ingresso 5 euro).  

Info 349/6285606, info@torinospiritualita.org , www.torinospiritualita.org .  

 

 

0

Ultimi eventi

Ultime voci

Ultimi scrittori

Credits

Un progetto di Associazione Alta Fantasia, codice fiscale 97687170015, Torino

Sponsors - TITOLO